Teaser Tuesdays > Polvere di Yndaco di Claudia Mazzullo

martedì 17 giugno 2014 1 commento:

Buongiorno readers! Ho un sacco di cose da postare ma sto cercando di far piano piano per non intasare tutta la home! Questa settimana, visto che mi sono arrivate delle email per Graphic Drops, metterò un form in cui potete scrivermi appositamente per quel tipo di aiuto. Sono indecisa se postare tutto qui o se aprire un blog direttamente collegato a questo, in realtà il problema principale è far stare tutto nei menù XD Comunque, ve ne parlerò meglio nel prossimo be talking about :) Ora voglio aprire questo teaser con l'estratto di un libro che sto attualmente leggendo. E' un Urban Fantasy, romanzo d'esordio della scrittrice Claudia Mazzullo, sto parlando di Polvere di Yndaco.

Teaser Tuesdays
Rubrica ideata dal blog Should be Reading, che consiste nel prendere un libro, aprirlo in una pagina a caso e trascriverne un piccolo spezzone, stando attenti a non fare assolutamente degli spoiler, lasciate anche il titolo e l'autore in modo che le persone alle quali piacerà il libro, possano trovarlo nella loro libreria di fiducia.


Titolo: Polvere di Yndaco | Autore: Claudia Mazzullo
Polvere di Yndaco Rimasta sola in salotto accesi la Tv e l’unica cosa di interessante che trovai furono i cartoni animati. Chiamai Bottiglia, che si era accucciato sul tappeto davanti al divano su cui ero seduta, e colpii con la mano il posto libero vicino a me: non se lo fece ripetere due volte e, scodinzolando, saltò su. Lo strapazzai per un po’, poi lui saltò sulle mie gambe e si accucciò. Io ero veramente stanca, da quando ero uscita dall’aula non facevo altro che sbadigliare e così decisi di rilassarmi, giusto un paio di minuti, finché le mie amiche non mi avessero chiamata per il pranzo...così chiusi gli occhi. Ero di nuovo lì, vicino al grande lago, immersa in una luce violacea e davo le spalle alla città. Osservavo il mio strano riflesso sull’acqua, la superficie completamente immobile. Mi giravo, vedevo le case, il castello, la gente che camminava… e tutti mi salutavano gentilmente. Mi sentivo a casa. Poi mi sentii chiamare, ma non con il mio nome, eppure mi girai… sapevo che si stavano rivolgendo a me. Ed eccolo, di nuovo, lo stesso ragazzo, sorridermi ed avvicinarsi. Poi tutto sparì di colpo ed io rimasi sola, quasi al buio: sapevo di essere in pericolo. Cominciai a correre, senza punti di riferimento, sentivo intorno a me qualcosa muoversi… ad un certo punto ero bloccata, non riuscivo più a muovere un solo muscolo del mio corpo. Provai ad urlare, ma non avevo più voce, nessuno poteva sentirmi. Poi iniziai a soffocare. “Greta, Greta, calmati… oddio…. tesoro, sta tranquilla, è solo un brutto sogno, piccola, ci sono io…. respira, piano, uno, due, uno, due… rilassati… Veronica, prendimi un po’ d’acqua. Veronica? Ehi, Veronica, non stare lì imbambolata, ho bisogno di te!! Portami dell’acqua, subito!” “…. S… si, ok… vado” disse Veronica, e si diresse lenta in cucina. Io ero sul divano, seduta, piegata su me stessa, con le braccia incrociate forti sul petto. Avevo il fiatone, non riuscivo a parlare, a respirare… potevo solo dondolarmi, avanti, indietro, simulando una ninna nanna, per calmarmi. Avevo gli occhi spalancati, la vista offuscata, ed ero terrorizzata.

1 commento:

  1. *_____*lo voglio..che teaser questo!!!!!!!!!!!!!...si me lo sengo in WL...ormai devo solo vincere un gratta e vinci...troppi libri meravigliosi da voler leggere...>_<Un bacione...

    RispondiElimina